Parigi: consigli pratici e mete indimenticabili

Finalmente uno dei miei sogni si è avverato: visitare Parigi, la città dell’amore. E quale modo migliore se non vederla con il proprio ragazzo?
Io la desideravo da tanto, Matteo non sapeva cosa aspettarsi. Entrambi siamo tornati con il sorriso, il cuore gonfio di emozioni e gli occhi ricchi di immagini meravigliose.
C’è da dire che siamo stati molto fortunati: la settimana più bella della stagione è stata nostra! Ma aspetta, questo ci è stato detto da chi vive lì: abbiamo trovato i 7 giorni migliori, con temperature quasi estive, mai una goccia d’acqua o una nuvola e tutto in fiore. Il giorno della partenza, però, ha iniziato ad ingrigirsi: insomma, siamo stati veri professionisti della fortuna! 😉
Quando siamo andati? Dal 18 al 22 aprile (2018).
Ma passiamo a qualche informazione pratica…

Dove alloggiare

Noi abbiamo alloggiato in un albergo vicino alla fermata metropolitana di Château d’Eau, a circa 2 km da centro. L’albergo in realtà non era eccezionale, ma passabilissimo per fare base la notte. I prezzi degli hotel in questo quartiere scendono notevolmente.
Ma soprattutto, non lasciarti ingannare da alcune recensioni sul quartiere: è vero, ci sono tantissime persone di nazionalità diverse, ma noi non abbiamo mai avuto problemi, anzi. Anche alla sera è tutto tranquillo e addirittura si anima di locali alla moda e in tipico stile parigino, con famiglie e bambini che vanno a
prendere il gelato.
Se all’inizio non sapevamo se fidarci o meno, alla fine abbiamo capito di aver visto una parte della “vera Parigi”, un po’ meno turistica.

Cosa, come e dove mangiare

Se vuoi risparmiare evita anche i bar: Parigi non è assolutamente economica. In compenso c’è un supermercato in ogni angolo, dove puoi trovare tante cose da mangiare al volo.
Ti consiglio, comunque, di investire in qualche colazione in posti famosi o ricercati. I miei consigli?
Devi assolutamente provare i croissant (metti in conto di mangiarne almeno tre durante la giornata: sono troppo buoni!!!) e le uova alla coque del Café de Flore, proprio davanti a Saint Germain.
Un’altra cosa da non farsi sfuggire sono le gauffre di Peloton Café (praticamente si fa colazione e si pranza: sono un’ottima porzione!).
Ma ancora, una bella tartare di salmonealla Maison Sauvage (ovviamente non per colazione), nel quartiere latino.
E le crepes? Per queste non c’è problema, è difficile o quasi impossibile mangiarne di cattive! Nel quartiere latino è pieno di creperie.
Non dimentichiamoci, poi, dei frutti di mare, un ottimo aperitivo assolutamente da assaggiare.
Di seguito parlerò anche della galettee di un aperitivo un po’ speciale.

Come spostarsi

Semplice, in metropolitana! Solo pochissimi punti necessitano dell’utilizzo di bus.
Ma puoi anche spostarti in bicicletta con Ofo (basta scaricare l’applicazione e si avranno anche 30 minuti in omaggio), facile ed economico.

Consigli utili

Un adattatoreper le spine francesi potrebbe essere indispensabile.
Un bel paio di scarpe da ginnastica super comode (perché Parigi è bella da visitare a piedi soprattutto!!!).
Non mettere mai nulla di valore nello zaino e tenere sempre sotto mano la borsa.

Ma soprattutto… divertitie ammira tutto ciò che riesci!!!

Ecco cosa secondo me non bisogna perdersi! 🙂

Notre-Dame

Notre Dame Parigi
Notre Dame

E’ una delle mete più inflazionate, ma facilmente si può capire il perché! Anche solo la facciata meriterebbe di essere ammirata per ore. Un vero capolavoro del Gotico.
La visita alla cattedrale è gratuita: nelle ore centrali della giornata la coda è davvero esigua.

Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi

All’interno le enormi vetrate colorate, di varie epoche, danno forma ad un’atmosfera unica ed incredibilmente religiosa.
Bellissima, però, è da vedere in tutte le sue parti dall’esterno…

Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi
Notre Dame Parigi

E perché no, è bellissima anche di notte!

Notre Dame Parigi notte
Notre Dame Parigi notte

Ma soprattutto non bisogna perdersi la vista che offre il culmine di questa meraviglia! Questa volta si paga, ma ne vale davvero la pena.

Montmartre vista da Notre-Dame Parigi
Montmartre vista da Notre-Dame Parigi
Notre-Dame Parigi
Notre-Dame Parigi
Il Pantheon visto da Notre-Dame Parigi
Il Pantheon visto da Notre-Dame Parigi
Notre-Dame e la Tour Eiffel Parigi
Notre-Dame e la Tour Eiffel Parigi

Palazzo di Giustizia dal lungo Senna

Palazzo di Giustizia Parigi
Palazzo di Giustizia Parigi

Dal lungo Senna è un vero spettacolo! E’ stato uno dei primi scorci che ho visto a Parigi e ne sono rimasta incantata.
Si trova sull’Île de la Cité e sorge sul luogo del palazzo di San Luigi, di cui rimane la Sainte-Chapelle. Qui, fin dal Medioevo, fu amministrata la giustizia.
E’ davvero maestoso ed elegante.
Attualmente è la sede del Parlamento e al suo interno si trova la Conciergerie, un’antica prigione dove fu rinchiusa anche Maria Antonietta, prima di essere ghigliottinata.

Palazzo della Giustizia Parigi
Palazzo della Giustizia Parigi

Il mercatino dei fiori e degli uccelli

Mercatino dei fiori e degli uccelli Parigi
Mercatino dei fiori e degli uccelli Parigi

E’ uno dei mercati più caratteristici e dall’atmosfera parigina: al suo interno si trovano tantissime piante e nidi per gli uccellini! Una vera meraviglia per chi ama i colori ed i profumi.
Si trova sull’Île de la Cité.

Mercatino dei fiori e degli uccelli Parigi
Mercatino dei fiori e degli uccelli Parigi

I Giardini del Lussemburgo

Giardini del Lussemburgo Parigi
Giardini del Lussemburgo Parigi

Una faccia di Parigi che mi ha lasciata affascinata e colpita sono i suoi giardini: decorati perfettamente con i fiori di ogni stagione e curati quasi maniacalmente. Bisogna sottolineare il fatto che questa meravigliosa città, nonostante il grande turismo, sia molto pulita ed ordinata. Quasi tutte le notti lavano le strade e in luoghi come questo vige la disciplina: nessuno può sedersi sul prato, staccare fiori e buttare spazzatura in giro.
Tutto questo rende Parigi magica e piacevolissima da vivere (noi abbiamo molto da imparare!).

Giardini del Lussemburgo Parigi
Giardini del Lussemburgo Parigi

Al centro dei giardini si trova una meravigliosa fontana con una grande vasca, in cui i bambini, durante il pomeriggio, fanno navigare le loro barchette. Sembra quasi di vedere un quadro impressionista.

Giardini del Lussemburgo Parigi
Giardini del Lussemburgo Parigi

In primavera i Giardini del Lussemburgo si riempiono di tulipani di ogni colore, creando fantasie floreali stupende.

Giardini del Lussemburgo Parigi
Giardini del Lussemburgo Parigi

Il Pantheon

Pantheon Parigi
Pantheon Parigi

Si trova nel centro del quartiere latino. Si tratta di un’opera settecentesca, segnata da curiose storie e varie peripezie. Racchiude in sé il pieno gusto francese di quell’epoca e di quelle appena successive.
Inizialmente fu edificato come chiesa cattolica, diventando nel tempo una sorta di mausoleo per i grandi personaggi che segnarono la storia della città. Fra i nomi più famosi qui troviamo Voltaire, Marat e Rousseau.

Pantheon Parigi
Pantheon Parigi

Una passeggiata (e non solo) sul lungo Senna

Lungo Senna Parigi
Lungo Senna Parigi

La Senna attraversa Parigi ed è interamente percorribile a piedi, evitando così di transitare sulla strada, con il rumore delle auto e l’inquinamento.
Trovo che sia anche molto romantica 🙂
Sulla Senna si può ammirare Parigi da una prospettiva diversa, vedere paperi che nuotano, fare colazione in posticini super carini oppure fare un aperitivo “home made“. Cosa voglio dire?
Partiamo da un presupposto fondamentale: a Parigi nessun bar fa l’aperitivo come lo intendiamo noi, ovvero ci sono pochissimi cocktail (anzi, non vanno per nulla!) e non si mangia assolutamente nulla. Così i parigini si sono inventati una soluzione tutta loro… portarsi birre, champagne, patatine, salmone affumicato, formaggio, noccioline e molto altro sul bordo della Senna, ammirando il calar del sole ed i magnifici monumenti della città.
Noi siamo rimasti, ovviamente, affascinati da questa usanza e…

Aperitivo sulla Senna con vista Tour Eiffel
Aperitivo sulla Senna con vista Tour Eiffel

Non abbiamo saputo resistere e così abbiamo preso champagne, salmone, formaggio e lamponi e abbiamo ammirato il simbolo di Parigi mangiando tutto ciò.

Che ovvietà, la Tour Eiffel!

Tour Eiffel che si accende
Tour Eiffel che si accende

Sarà anche un’ovvietà, ma non si può non vederla, soprattutto all’imbrunire, quando si accende!
Noi non ci siamo saliti: le code erano molto lunghe e avevo letto precedentemente che per ammirare la città dall’alto l’ideale era salire su Notre-Dame (che infatti ci ha lasciati molto soddisfatti!).
Così abbiamo visto la Tour Eiffel più e più volte, in ore diverse e da punti differenti, come la TERRAZZA DI TROCADERO (dove ferma anche la metro).

Tour Eiffel da Trocadero
Tour Eiffel da Trocadero

L’elegantissimo Giardino delle Tuileries

Giardino delle Tuleries Louvre
Giardino delle Tuileries Louvre

E’ in assoluto il mio preferito fra tutti i giardini di Parigi. La sua eleganza è incredibile, tutte le piante ed i fiori sono perfettamente posizionati e abbinati.
E’ la tipica espressione del giardino alla francese e si trova tra il Museo del LouvrePlace de la Concorde.
Fu realizzato da Caterina de’ Medici e dopo la Rivoluzione Francese fu aperto come giardino pubblico.

Giardino delle Tuleries Louvre
Giardino delle Tuileries Louvre

E’ adornato da molteplici statue, tutte copie dell’antichità, soprattutto greche e romane.

Giardino delle Tuileries Louvre
Giardino delle Tuileries Louvre

Nella parte orientale si trova una grande piazza, con una vasca simile a quella dei Giardini del Lussemburgo, incorniciata da una giostra panoramica (ve la sconsiglio: lunghe file e biglietto caro).

Giardino delle Tuleries Louvre
Giardino delle Tuileries Louvre

Le vie di Parigi

Parigi
Parigi

Una delle cose più belle è svegliarsi e non avere una meta precisa durante un viaggio: va bene programmare, ma non troppo! A volte bisogna sapersi fidare delle proprie sensazioni e dell’umore della giornata. E così abbiamo fatto anche noi.
Vagare per le vie di Parigi è un’esperienza unica: in ogni angolo si nasconde un portone, un negozio con la facciata in legno tipica di questa città, una chiesa, un monumento o una piazza… non ci si può assolutamente annoiare!

Parigi
Parigi

Non so tu, ma io adoro ogni portone fatto in questo stile unico! Li adoro sia coloratissimi che grigi, neri o bianchi. A Parigi ce ne si toglie la voglia! 🙂

Parigi
Parigi
Parigi
Parigi
Parigi
Parigi
Parigi
Parigi

Place des Vosges

Place de Vosges Parigi
Place de Vosges Parigi

E’ piccola, ma anche la più bella secondo me. Estremamente elegante e anche semplice in confronto alle altre. Tantissime persone prendono il sole, si riposano e mangiano qui nella loro pausa pranzo… io fare lo stesso fossi in loro! 🙂
Ma non solo è la più bella (almeno secondo me), ma anche la più antica. Fu realizzata grazie a Caterina de’ Medici (che come avrai capito fu molto importante per la bellezza della città).
Si trova nel Marais, il vecchio ghetto ebraico della città.

Place de Vosges Parigi
Place de Vosges Parigi

Jardin des Plantes

Jardin des Plantes Parigi
Jardin des Plantes Parigi

Una delle mie mete preferite di questo viaggio sono stati proprio i giardini e non potevo quindi perdermi quello del Museo di Storia Naturale.
Qui si distinguono centinaia di specie botaniche differenti, potendo ammirare spettacoli assolutamente unici.

Il Museo del Louvre

Museo del Louvre Parigi
Museo del Louvre Parigi

Chi non sogna di entrare nella piramide di vetro?
Anche il Museo del Louvre è una meta scontata, ma… attenzione all’itinerario per visitarlo! Non penserai di vederlo tutto in un solo giorno, vero?
Studiando Beni Culturali so quant’è importante organizzare la propria visita, soprattutto se il museo è particolarmente grande.
Come fare?
Non scoraggiarti, non è impossibile preparare un percorso! Devi considerare soprattutto che tutti gli spostamenti sono lunghi (noi abbiamo percorso 10 km per visitare ciò che ci interessava), consumando quindi tempo ed energie.
Se vuoi dedicargli solo una giornata, beh, seleziona solo ciò che davvero ti interessa. Anche le menti più brillanti ed esperte si troverebbero in difficoltà visitando quasi tutte le stanze.
Inizia decidendo quali collezioni vuoi vedere (purtroppo non è umanamente possibile vederle tutte in un giorno) e successivamente seleziona le opere di ognuna di queste che più ti interessano. Per farlo aiutati col sito, dove tutto è elencato e fotografato.
Annota tutte le informazioni su un foglio.
Ora sei pronto per visitare il Louvre.

Museo del Louvre Parigi
Museo del Louvre Parigi

La prima visita a questo museo sarà difficile scordarla: è davvero meraviglioso e ricco di opere, molto più di quanto ci si aspetti!
Piccolo consiglio: la Gioconda è l’opera meno bella di Leonardo da Vinci, non ci si può avvicinare e i turisti ci si affollano davanti. Passa oltre! Ci sono opere molto molto più belle nel Louvre!

Museo del Louvre Parigi
Museo del Louvre Parigi – Nike di Samotracia
Museo del Louvre Parigi
Museo del Louvre Parigi – Prigioni di Michelangelo
Museo del Louvre Parigi
Museo del Louvre Parigi

Il Museo d’Orsay

Museo d'Orsay Parigi
Museo d’Orsay Parigi

Chi non conosce il Museo d’Orsay?! E’ famosissimo per i quadri degli Impressionisti e dei Post-Impressionisti.
Ubicato in una vecchia stazione ferroviaria, offre un’atmosfera unica e suggestiva, tra le opere della Belle Epoque.
Anche per questo museo ti consiglio di programmare un itinerario: non è assolutamente grande come il Louvre, anzi, ma le collezioni non sono poche e i quadri, i disegni e le sculture  sono tante. Per questo è sempre meglio decidere con calma a cosa dare la priorità: la nostra mente dopo un tot di opere si stanca e non è più attenta e vigile come all’inizio, anzi! Ma soprattutto avendo un programma si evita di cadere nella noia.

Museo d'Orsay Parigi
Museo d’Orsay Parigi
Museo d'Orsay Parigi
Museo d’Orsay Parigi – Monet

Montmartre

Le vie di Montmartre Parigi
Le vie di Montmartre Parigi

Il quartiere degli artisti non può assolutamente mancare! Su una collina, nonché punto più alto di Parigi, offre una vista spettacolare sulla città e vie pittoresche in cui davvero si può ancora respirare il clima della Belle Epoque.
Montmartre è un quartiere ricco di ristorantini, piccoli bar, di artisti che fanno ritratti ai turisti e di curiosi souvenir.

Basilica del Sacro Cuore a Montmartre Parigi
Basilica del Sacro Cuore a Montmartre Parigi

Ti consiglio la visita alla Basilica del Sacro Cuore (esattamente sullo spiazzo panoramico), un vero gioiello, riconoscibile fra mille. L’ingresso è gratuito, e questo, lo so, incentiva molto! 😉

Basilica del Sacro Cuore a Montmartre Parigi
Basilica del Sacro Cuore a Montmartre Parigi
Basilica del Sacro Cuore a Montmartre Parigi
Basilica del Sacro Cuore a Montmartre Parigi

Ma oltre alle piccole vie e alla Basilica del Sacro Cuore? Per prima cosa ti consiglio di fare uno spuntino… prendendo una galette! Si tratta di una specie di  crepe salata, piatto tipico della Bretagna, ma anche di questo quartiere, tanto da far parte del nome di un quadro piuttosto famoso. Quale? Bal al moulin de la Galette di Renoir. Ma perché Moulin de la Galette? Questo è il nome di un locale che al tempo degli Impressionisti, e quindi della Belle Epoque, era molto in voga tra i parigini. Era nato grazie alla ristrutturazione di due mulini a vento abbandonati (da cui prende il nome). Le galette, invece, erano offerte nel prezzo d’ingresso. Quindi non puoi assolutamente non assaggiare questo piatto!

Montmartre Parigi
Montmartre Parigi
La Basilica del Sacro Cuore a Montmartre Parigi
La Basilica del Sacro Cuore a Montmartre Parigi

Un’altra attrazione del quartiere è la Maison Rose: si tratta di un piccolo locale, ma è un vero bijoux per usare un termine francese.
Puoi mangiare e anche fare un piccolo aperitivo, ma soprattutto puoi scattare qualche fotografia dall’esterno!

La Maison Rose a Montmartre Parigi
La Maison Rose a Montmartre Parigi

L’Hotel de Ville

Hotel de Ville Parigi
Hotel de Ville Parigi

Tranquillo, non ti mando in uno hotel! E’ il municipio di Parigi.
Attenzione, questo non è però l’unico: a Parigi si trovano 20 arrondissement (quartieri) e per ognuno esiste un municipio.
La piazza, il palazzo ed una giostra creano un posto magico ed unico.
L’Hotel de Ville è enorme ed elegantissimo!

Rue Cremieux

Rue Cremieux Parigi
Rue Cremieux Parigi

Un’unica via, breve e isolata dal traffico e dal caos cittadino, super colorata e ricca di piante… questa è rue Cremieux.
Se nella maggior parte dei posti di Parigi i turisti non mancano, qui eravamo praticamente soli… c’erano solo gli abitanti delle case a tenerci compagnia.
Non sapevamo se dedicarle del tempo o ignorarla in favore di qualcos’altro. Alla fine ci siamo decisi ad andare: ci si impiega poco a percorrerla e ad osservare e fotografare i suoi coloratissimi muri, ma è davvero deliziosa.
Mi raccomando, non sporcare e rispetta la tranquillità di questo luogo: le persone mangiano al di fuori delle loro case, su questa via, proprio perché ordinata e silenziosa.

Rue Cremieux Parigi
Rue Cremieux Parigi
Rue Cremieux Parigi
Rue Cremieux Parigi
Rue Cremieux Parigi
Rue Cremieux Parigi

Non abbiamo visto tutto… purtroppo Parigi è enorme e ricchissima di monumenti, musei, giardini, strade, ponti e tanto altro. Ma questo è un buon motivo per tornare.

Non ti ho fatto vedere ogni cosa: a Parigi ho scattato più di 3000 fotografie ed è facile capire che purtroppo non posso pubblicarne nemmeno un decimo. Però se mi segui su Instagram sicuramente vedrai sempre scatti nuovi e inediti! 🙂

Rispondi